Un nuovo seminario di Improvvisazione Teatrale al Bosco della città di Trento.

"È nel giocare e soltanto mentre gioca che l’individuo, bambino o adulto, è in grado di essere creativo e di fare uso dell’intera personalità, ed è solo nell’essere creativo che l’individuo scopre il sé.” (Donald Woods Winnicott)

Improvvisazione nel teatro si può definire come tecnica dell’attore che recita qualcosa di non previsto e non preparato prima, ma che presuppone un solido allenamento, e svariate abilità. Come per il musicista che deve saper leggere uno spartito e suonare il proprio strumento prima di improvvisare, così anche l’attore prima di improvvisare deve conoscere il proprio strumento (corpo – voce).

Il seminario propone di lavorare sull’improvvisazione teatrale attraverso il gioco, come presupposto per stimolare la creatività.

Con l'improvvisazione si sviluppano alcune abilità fondamentali, come ad esempio:  trovare possibili soluzioni a problemi - essere flessibili - sviluppare l’intuitività, la spontaneità, la creatività, lo spirito di reazione - superare le inibizioni - aumentare la predisposizione al gioco - migliorare l'attenzione e l'ascolto - sviluppare il senso del ritmo - laccettazione del “ fiasco ” - concentrarsi sul presente - l’incontro col personaggio (strumento catartico).


Sabato 17 settembre,
Bosco delle città di Trento (in caso dei pioggia sala prove teatro Cuminetti)

Il percorso prevede due parti. Una prima parte nella quale si entra in relazione con il linguaggio teatrale attraverso una serie di esercizi di espressione corporea e vocale, di relazione con lo spazio, con il ritmo, di attenzione e ascolto.

Nella seconda parte si lavora sull'improvvisazione guidata e libera, individuale e di gruppo e avviene l'incontro con il personaggio e la forma che lo esprime in una relazione fluida che non si cristallizza ma accoglie in sé il cambiamento.

ISCRIVITI ONLINE AL SEMINARIO