I miti sono la condensazione di esperienze collettive;
rappresentano d’altra parte anche una sorta di esperanto,
una lingua internazionale che non viene più capita.
                   Heiner Müller

 

 

Riva abbandonata Materiale per Medea Paesaggio con Argonauti è un'opera teatrale del drammaturgo tedesco Heiner Müller, che traspone nel linguaggio contemporaneo tutta la forza della tragedia classica.

Multiversoteatro, con il titolo Materiale per Medea, propone l'opera nella forma del monologo, interpretato da Michela Embrìaco. La regia è di Raffaele Macrì. Le immagini sono curate dal fotografo Pierluigi Cattani Faggion, gli oggetti in raku che fanno parte della scenografia sono stati realizzati dall'artista Gabriella Bais.

Il monologo, più che sul tema del figlicidio, si focalizza sulla dimensione esistenziale di Medea, sulla sua passionalità e fragilità. Medea contiene tutte le dimensioni delle passioni, offre la possibilità di toccare gli estremi, è una donna avvolta da una dimensione perturbante, che vive una condizione di isolamento e sofferenza. Medea è una donna contemporanea nel senso che la rabbia, le frustrazioni e il linguaggio che utilizza appartengono alla nostra contemporaneità, ma rimane la principessa della Colchide, una figura del mito che farà una scelta che le aprirà una via d'uscita insolita.

VAI AL TRAILER DELLO SPETTACOLO (8 MINUTI)

Scarica la locandina dello spettacolo in formato jpg (100 Kb)

 

Regia: Raffaele Macrì
Attrice: Michela Embrìaco
Immagini: Pierluigi Cattani Faggion
Ceramica raku: Gabriella Bais  
 

Un ringraziamento particolare a L'Area APPM onlus

Multiversoteatro ringrazia con affetto:
Gianni Gecele
Giusi Campisi
Gruppo teatrale Tarantas
Luca Cattani
Razi Mohebi e Soheila Jahaveri
 
 
 
I cookie rendono più facile per noi fornirti i nostri servizi. Con l'utilizzo dei nostri servizi ci autorizzi a utilizzare i cookie.
Ok Rifiuta